ANAPS-NOTIZIE - A.N.A.P.S Milano

Logo
Title
Vai ai contenuti

ANAPS-NOTIZIE




Perché la risposta Ascani non ci convince



Trascriviamo letteralmente la parte che ci sembra degna di maggiore attenzione della risposta che la vice Ministra Ascani ha dato all’interrogazione Frassinetti  - Bucalo, dell’11 giugno 2020 in VII commissione della Camera.
Dopo aver illustrato tutta la normativa riferita al reclutamento degli insegnanti di religione, l’onorevole Ascani ha accennato in poche righe ad un tentativo di risposta all contenuto specifico dell’interrogazione che riguardava l’esistenza di un accordo Miur – Cei.  Come si evince dalle parole seguenti la Vice ministra non ha smentito chiaramente l’esistenza di un accordo. Ha parlato di un monitoraggio degli uffici regionali, della necessità di un’intesa tra Cei e Miur, ha accennato ad un fantomatico, indefinito, innominato tavolo in corso di costituzione che si occuperà della relazione dell’intesa. Non c'è stata una chiara smentita dell’accordo e il tavolo in procinto di venire si occuperà non dell’accordo ma della relazione dell’accordo stesso.
A seguito le parole della Vice Ministra:
“… A tal proposito (della legislazione e dell’Intesa) il Ministero in attesa della sottoscrizione della prevista intesa (di regola si sottoscrive quanto già stabilito) ha avviato il 12 maggio scorso uno specifico monitoraggio  per il tramite degli Uffici scolastici regionali  al fine di verificare l’attuale stato delle graduatorie del 2004 in modo di potersi procedere nel medio termine qualora la procedura concorsuale non si svolga e non termini per il 2020, con lo scorrimento delle stesse come richiesto dal legislatore. Pertanto alla luce del suddetto quadro normativo occorre evidenziare che l’Intesa tra Ministero dell’Istruzione e la Conferenza Episcopale Italiana rappresenta il presupposto giuridico e necessario all’avvio, come da tutti auspicato, del nuovo concorso per il reclutamento degli insegnanti di religione nella scuola pubblica. A tale riguardo la informo che è attualmente in corso la costituzione di uno specifico tavolo di lavoro che si occuperà proprio della relazione dell’intesa (chi sono i componenti di questo specifico tavolo di lavoro? Perché si parla in modo riduttivo di occuparsi delle relazione non dell’accordo intero?)
Alla luce di quanto ha detto la Vice Ministra si evince che non ha voluto smentire niente e nessuno, ma ha lasciato intendere che ci sono  degli accordi da perfezionare, da relazionare ad un tavolo al quale non ha indicato chi sarà invitato a sedersi. Una spiegazione potrebbe essere che Giarrusso delirasse durante la video conferenza Anaps, che la Ministra Azzolina delirasse quando ha risposto al collega e non sapessero quello che stavano dicendo. La realtà, purtroppo, è che a dispetto delle mezze smentite continua da parte dei protagonisti (indovinate chi sono) a tramare come fanno da anni nell’ombra per arrivare ad un concorso ordinario.
Vedremo chi sarà chiamato a questo specifico tavolo di lavoro e chi sarà o saranno i delegati Cei. Un dato incontrovertibile e che tutti i protagonisti, Ministri, Vice Minisrtri, onorevoli e monsignori non hanno mai chiaramente smentito l’esistenza di un accordo Cei – Miur. Mentre, invece, una smentita sarebbe stato la soluzione e la risposta più semplice e chiara. Sarebbero bastati pochi secondi per dire, da parte di qualsiasi protagonista, la frase: “Mi assumo la responsabilità di dichiarare che non esiste nessun accordo”.
Questa frase non l’ha ancora pronunciata nessuno. 

Segreteria Nazionale ANAPS
Milano, 11/06/2020


>



<<< indietro


Associazione Nazionale Autonoma Professionisti Scuola
(ANAPS)
20131 Milano, Viale Gran Sasso, 22
Tel.: 02-55230697  Fax: 02-55230697

C. Fiscale: 97501450155

Torna ai contenuti