ANAPS-NOTIZIE - A.N.A.P.S Milano

Logo
Title
Vai ai contenuti

ANAPS-NOTIZIE




Lettera aperta alla Sottosegretaria Barbara



Gent.ma Senatrice prof.ssa Barbara Floridia Sottosegretaria Ministero della Pubblica Istruzione, 


ancora una  volta prendiamo atto di dichiarazioni sue e di altri rappresentanti del M5s riguardo l’annosa stabilizzazione dei precari della scuola. 

Quello che è assolutamente incomprensibile è l’ostinazione con la quale state cercando di punire il precariato della scuola. Il concetto di stabilizzazione non ha, come voi volete far credere, il valore di gratuita concessione ma è la logica stabilizzazione di una situazione in essere, costante nel tempo. E per i precari di tempo ne è passato tanto. 

Non mi permetto di ricordarle perché Lei sicuramente conoscerà bene la sentenza della Corte di Giustizia europea del 2014 che ha condannato l’Italia per aver violato le norme comunitarie sul precariato e non mi permetto di ricordarle che anche la Commissione europea nel 2019 ha ammonito il nostro paese in materia di  assunzioni pubbliche e nel 2020, con una seconda lettera, ha ammonito l’Italia per la mancata risposta alla risoluzione del problema.  Quindi è evidente che inadempiente è lo Stato italiano, e non sono i precari, che aspettano da anni una sistemazione pur continuando a prestare un servizio essenziale alla società italiana. 

Provi, signora Sottosegretaria, a far funzionare la  scuola senza i bistrattati precari. Non mi sembra neppure il caso di ricordarle che l’atteggiamento e le dichiarazioni di sufficienza e di supponenza con i quali lei, la ex Ministra Azzolina e altri esponenti del vostro movimento affrontano il problema dei precari,  contrastano in modo offensivo, direi quasi vergognoso, con le vostre dichiarazioni elettorali. 

Il vostro contributo per una scuola nuova è stato acquistare banchi a rotelle costosi e inutili, ormai dimenticati nei corridoi delle scuole, ma mi scusi, di questo non si può parlare. In nome della meritocrazia, che oggi sembra valere solo per i precari della scuola, è stato bandito un concorso straordinario ancora da espletare e un ordinario tutto in essere. Grazie alla competenza e all’amore per la scuola dell’ex ministra Azzolina, l’anno scorso il malfunzionamento delle GPS ha fatto sì che le scuole abbiano aspettato mesi per avere i supplenti, con tutti gli errori annessi e connessi. Ma anche di questo non si può parlare. 

Nelle scuole stanno lavorando migliaia di lavoratori con le MAD senza titolo specifico. Ma anche di questo non si può parlare. Lei, signora Sottosegretaria Floridia nega l’evidenza dei fatti e dei numeri, minimizzando il problema delle cattedre vacanti del prossimo anno, nonostante che la CGIL abbia pubblicato numeri che dimostrano la realtà che incontreremo a settembre. Ma, forse, Lei non pensa che sia il caso di incontrarsi e di confrontarsi con i sindacati? Nonostante le dichiarazioni di tutti i sindacati voi insistete nel cercare di bandire concorsi ordinari per i quali ci vorranno almeno due anni senza considerare il costo di tali concorsi. Nonostante che tutti conoscono la reale situazione della scuola, voi vi fate vanto di avere eliminato le classi pollaio, di aver realizzato più mense e palestre e di aver ottenuto fondi per l’edilizia scolastica.                                  

Le suggerisco anche di pensare e di ricordarsi che la scuola è fatta anche dal personale docente e non docente di ruolo e non di ruolo. Sembra di essere tornati indietro di un anno, le stesse promesse di chi l’ha preceduta e personalmente mi indigno e mi sento offesa, tutti dovremmo indignarci e sentirci offesi dalle vostre dichiarazioni e  mi permetto di sottolineare la mancata conoscenza che Lei e altri esponenti del suo movimento hanno della normativa scolastica, perché la vostra ostinazione ad invocare i concorsi ordinari vuol dire proprio non conoscere la normativa scolastica, non conoscere i provvedimenti che lo Stato ha preso in un passato non proprio lontano in situazioni difficili, per risolvere e sanare, non regalare, professoressa Floridia, non regalare la sistemazione di situazioni disastrose in cui versava allora e continua a versare oggi il precariato della scuola. 

Sempre se Lei permette, senatrice Floridia, riporto quanto si legge nel suo curriculum: “ Successivamente, ho frequentato la Scuola Biennale di Specializzazione per l’Insegnamento nelle Scuole di Secondo grado (SISS) perché ho scelto di diventare insegnante. Ho scelto di insegnare, non è stato un ripiego, e lo scelgo ogni giorno”. Allora, professoressa Florida, ma allora Lei non ha superato un Concorso ordinario!? 

Ma allora di che parla? Di che cosa si vanta, signora professoressa assunta a tempo indeterminato?  Ripeto: Lei non ha superato un concorso ordinario. E poi, anche Lei come l’ex ministra Azzolina, amate tanto la scuola che avete scelto la carriera politica e non le fatiche dell’insegnamento! Diciamolo chiaramente, da collega a collega, o meglio da politica ad insegnante: il Movimento Cinque stelle ha scaricato i precari e sta cercando di promettere un posto di lavoro ai giovani a discapito degli insegnanti con esperienza pluriennale. Mi permetta l’ultima domanda, Senatrice Floridia Sottosegreteria: se voi o qualche vostro parente, o qualche compagno di università, o qualche vicino di casa foste dei lavoratori precari da anni, ragionereste con la stessa supponenza e sufficienza con la quale ragionate oggi e gestite il problema dei precari? 

Ai posteri l’ardua sentenza. 
Milano, 28 aprile 2021 
Prof.ssa Angela Loritto 
Segretario Nazionale Anaps    

P.S. In questi ultimi giorni leggiamo e ascoltiamo dichiarazioni soltanto di esponenti del M5s, ma sulla scuola, deputati e senatori di altri partiti non hanno niente da dire? Lasciano la gestione di un problema gravissimo come quello dei precari nella scuola alle fantasie di alcuni esponenti del M5s? Onorevoli e senatori: fatevi sentire, perché il problema dei precari è un problema gravissimo, esplosivo.



<<< indietro


Associazione Nazionale Autonoma Professionisti Scuola
(ANAPS)
20131 Milano, Viale Gran Sasso, 22
Tel.: 02-55230697  Fax: 02-55230697

C. Fiscale: 97501450155

Torna ai contenuti